Il vecchio Mulino

Pubblico sotto alcune foto di una vecchia macchina per fare la farina, un vero e proprio mulino, che è impensabilmente collocato nell’edificio centrale del San Niccolò. Quando fu montato lì dentro doveva rappresentare un vero e proprio gioiello dell’industria di quel momento, a riprova del fulgore che la cittadella manicomiale stava raggiungendo in quel periodo. Salvo correzioni, la sua installazione dovrebbe essere collocata negli anni a cavallo fra Ottocento e Novecento. Serviva per fornire la farina al forno che lavorava dentro il manicomio e che vendeva pane anche all’esterno, essendo piuttosto conosciuto per la qualità dei suoi prodotti. Grazie al fatto che il mulino è stato al coperto, si è ben conservato e trovando qualche esperto di macchine di quel tipo si potrebbe addirittura pensare di farlo ancora lavorare a scopo dimostrativo. Era mosso da un potente motore a scoppio che metteva in moto un insieme di pulegge e cinghie con le quali il movimento veniva trasmesso alle macine. E’ impressionante vedere come tutto è rimasto com’era, si rintracciano addirittura ancora i residui di farina nelle varie fasi di molitura.

Questo blog intende “studiare” e riuscire a scoprire di più sulla macchina e sul suo utilizzo. Seguiteci e, appena avremo informazioni più precise, ve le faremo sapere.

IMG_2191

le varie macine

IMG_2192

IMG_2193

organi di trasmissione del movimento ?

 

Novità

Abbiamo deciso di rinnovare l’immagine del blog, cambiandone leggermente la grafica.

Si è per questo pensato di cambiare la foto della copertina, non più l’immagine scattata all’atto dell’inaugurazione del quartiere (ultimi anni dell’Ottocento), ma una immagine quasi attuale, scattata qualche anno fa, quando il degrado cominciava a prendere il sopravvento. C’era inoltre la necessità di sganciare il blog dalla gara dei Luoghi del Cuore, ormai finita, e di renderlo più agile e pronto a portare all’attenzione del suo pubblico altri temi che naturalmente siano connessi con il nucleo centrale che riguarda il recupero del Conolly. Continua a leggere

6 – e la strada continua…

L’ultima puntata di questa breve passeggiata tra alcuni dei padri della psicoanalisi (quanti ne ho trascurati!), come promesso, sarà dedicata ai recenti sviluppi delle Neuroscienze che in alcune ricerche sembrano confermare, con il sostegno strumentale, talune delle intuizioni di quei grandi studiosi. Vi ho, sommariamente, parlato di autori che oltre ad essere stati tutti grandi terapeuti, potrebbero essere anche descritti come filosofi che hanno proposto la loro visione dell’uomo e della mente. Continua a leggere

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: