6 – e la strada continua…

L’ultima puntata di questa breve passeggiata tra alcuni dei padri della psicoanalisi (quanti ne ho trascurati!), come promesso, sarà dedicata ai recenti sviluppi delle Neuroscienze che in alcune ricerche sembrano confermare, con il sostegno strumentale, talune delle intuizioni di quei grandi studiosi. Vi ho, sommariamente, parlato di autori che oltre ad essere stati tutti grandi terapeuti, potrebbero essere anche descritti come filosofi che hanno proposto la loro visione dell’uomo e della mente. Continua a leggere

Spigolatura freudiana

modello freudiano

Questa caricatura illustra in modo ironico il modello freudiano della mente.

Intanto le tre teste sono innestate tutte sullo stesso corpo. La testa centrale raffigura l’Io che accenna una smorfia di disgusto o di imbarazzo per trovarsi proprio in mezzo tra la “mattana” dell’Es (o Id come viene a volte chiamato) e la testa del Super Io che come si può notare è molto censurato (occhi e orecchie tappati, bocca cucita, in cambio ha una sorta di aureola intorno al capo). Per il povero Io si prospetta un compito difficile e chissà se un onorevole compromesso sarà possibile?

Cosa ne direbbe il povero Sigmund? A mio parere sorriderebbe e passerebbe oltre.

Spigolatura Kleiniana

fcc2d5bcd56762282f9c5b9f3a054fde_2048x2048

Girando nella rete ho scovato questa caricatura della “nostra” Melania che trovo geniale. Bisogna coglierne i particolari: innanzitutto l’aspetto pugnace, poi le armi brandite che sono un biberon tenuto come un pugnale e quella che sembra essere una torta con la funzione di scudo. Fantastico il particolare del seno: uno è coperto e l’altro no, chiaro riferimento al seno buono ed a quello cattivo. La caricatura è apparsa in un fascicolo americano nel 1986 dal titolo Psycho – Mom. Apprezzabile anche la somiglianza con l’originale, specialmente per il particolare dello sguardo che anche nelle foto era spesso in bilico tra la tristezza ed il sorriso.

Così tanto per sorridere, ogni tanto!

Ecco il risultato dei Luoghi del Cuore!

Si è conclusa intorno alle 12 di ieri, 24 febbraio, la conferenza stampa che il Fondo Ambiente Italiano (FAI) ha fatto per annunciare i risultati ufficiali del censimento dei Luoghi del Cuore per il 2016, censimento a cui anche il padiglione Conolly di Siena ha partecipato.

Poche le sorprese, il Conolly conferma sostanzialmente la posizione che aveva prima che gli aggiornamenti della classifica fossero oscurati (avvenne il 31 ottobre, mentre si poteva votare fino al 30 novembre) e si posiziona al 27 simo posto con 11.154 voti ufficiali, quelli che avevamo conteggiato, senza che neppure un voto sia stato annullato nel corso dello spoglio definitivo.

Nessuna sorpresa anche per le posizioni del podio, infatti vince in Castello di Sammezzano nel comune di Reggello che è sempre rimasto nelle posizioni di testa, in seconda posizione si piazza il complesso monumentale di Santa Croce nel comune di Bosco Marengo (Alessandria) ed infine al terzo posto la grotta del Caglieron, comune di Fregona (Treviso).

image

Vale la pena dare qualche dato in più per cogliere appieno il valore di questo censimento. Sono stati 33.264 i luoghi segnalati da singoli o dai 319 comitati che si sono costituiti. Se prendiamo in considerazione solo quei luoghi che hanno raccolto almeno 500 preferenze, monte voti che differenzia un sostegno episodico e casuale da un interesse più organizzato, rimangono 280 luoghi segnalati che si dividono (insieme a tutti gli altri naturalmente) il milione e mezzo circa dei suffragi che sono stati attribuiti dagli italiani ai loro Luoghi del Cuore.

Vorrei rimandare a tra qualche giorno riflessioni più meditate sul risultato e sul senso del lavoro fatto in questi mesi dal comitato “Salviamo il Conolly”, a caldo posso dire che pensavo che avremmo migliorato di poco la posizione lasciata al 31 ottobre (data dalla quale non è stata più resa nota la classifica). In realtà l’abbiamo lievemente peggiorata (dalla 24 sima alla 27 sima), per questo non ci può essere entusiasmo.

Poi però, riflettendo che siamo comunque tra i primi trenta, che abbiamo raccolto oltre 11mila voti, credo che si possa essere abbastanza soddisfatti del lavoro fatto.

Inoltre annuncio a tutti coloro che ci hanno seguito fino ad ora che adesso si apre la seconda fase della gara. Possono partecipare a questa seconda fase tutti i luoghi che hanno raccolto almeno 1500 voti (da noi largamente superati). Questa fase, regolata da un bando che uscirà in marzo, metterà a disposizione altri fondi per quei luoghi che hanno già progetti in fase avanzata. Per questi progetti il Fai offre una forma di cofinanziamento fino a 30 mila euro.

Il fatto che il Conolly abbia già dei soldi stanziati per il suo recupero da parte della proprietà (la Asl Toscana Sud Est) e che altri fondi siano stati promessi dal Consiglio Regionale, potrebbe mettere il nostro Luogo del Cuore in buona posizione per raggiungere quell’obbiettivo.

Pertanto il lavoro prosegue, è vero che impegnerà soprattutto gli uffici tecnici della ASL che dovranno approntare uno specifico progetto per utilizzare quei fondi, ma il nostro Comitato si impegnerà a seguire, incoraggiare e promuovere tutto quello che servirà per arrivare ad un risultato positivo.

Andrea Friscelli

GRAZIE!

Ieri sera è stata spedita l’ultima busta con i moduli di firme per la gara dei Luoghi del Cuore a favore del Conolly. I risultati ufficiali del censimento saranno resi noti il prossimo febbraio, le firme infatti dovranno essere controllate e validate dal Fai, per questo noi del Comitato Salviamo il Conolly non siamo in grado di annunciare il numero ufficiale dei voti raggiunti, ma in via ufficiosa possiamo dire che le firme sono state largamente superiori alle UNDICIMILA.
Per questo, a nome del Comitato, voglio ringraziare tutti coloro che ci hanno aiutato a raggiungere questo che, secondo noi, è oggettivamente un ottimo risultato. La lista sarebbe lunga, dagli amici della delegazione Fai di Siena (un grazie particolare a Donatella Capresi ed a Luca Mansueto che si sono davvero impegnati molto), a tutti i negozi che si sono prestatati a raccogliere i fogli delle firme (una citazione particolare per la Libreria Mondadori di Filippo Mazzieri), alla stampa locale in genere, con una menzione particolare per SienaNews, agli amici della Asl che hanno capito e sostenuto il nostro sforzo (pur tra mille altre cose da seguire e fare), a tutti coloro che hanno firmato. Ci sarebbero ancora molte persone da ringraziare per il loro sostegno fattivo e del tutto volontario e prima o poi lo farò.  Adesso, però,  sarà importante non disperdere tutto questo interesse che si è venuto aggregando intorno ai temi del vecchio San Niccolò e del quartiere Conolly in particolare e insistere, tutti insieme, fino al raggiungimento di qualche concreto risultato.

conolly-dallalto

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: